Crisi idrica: si attende che il governo nazionale (probabilmente nel prossimo Consiglio dei Ministri), dichiari per la Sicilia lo “stato di calamità” per dare il via a una serie di misure straordinarie, come le turnazioni, la requisizione di pozzi privati e procedure più rapide per lavori che riguardano reti e impianti.

A proposito dell'autore

La nostra Redazione pubblica i Comunicati Stampa e le varie Cartoline Digitali che arrivano ai nostri contatti, se vuoi anche tu pubblicare gli eventi che organizzi scrivi a info@radiomed.fm