Torniamo a occuparci dell’operazione antimafia che ieri ha ulterormente assottigliato le fila dei gregari e dei “collaboratori” del boss latitante Matteo Messina Denaro: 21 gli arresti, in manette anche due cognati del boss. Lo spaccato che emerge dalle indagini e dalle intercettazioni ambientali e telefoniche è decisamente inquietante e conferma il potere del capomafia latitante, arbitro indiscusso di affari ed equilibri nella provincia di Trapani. Ma lascia perplessi, ancora una volta, come sia proprio la mentalità mafiosa di chi gli sta intorno a renderlo paragonabile ad un fantasma.

A proposito dell'autore

La nostra Redazione pubblica i Comunicati Stampa e le varie Cartoline Digitali che arrivano ai nostri contatti, se vuoi anche tu pubblicare gli eventi che organizzi scrivi a info@radiomed.fm